[Perchè i tecnicismi perderanno SEMPRE contro la pianificazione strategica]

[Perchè i tecnicismi perderanno SEMPRE contro la pianificazione strategica]

Sei un genio dell’informatica
e non ti spaventa l’ultimo tool di marketing,
sei un asso del webdesign,
sei abile a fare loghi,
sai costruire un funnel di marketing?

Ti dirò la verità,
nuda e cruda:
contro una mente MENO PREPARATA,
con meno skills, formazione, competenze,
anni di studio…

PERDERA’ SEMPRE
contro il primo degli stupidi,
che però ha un piano,
sa come attuarlo,
e come arrivare da 0 al successo.

Quindi non servono a nulla le competenze tecniche?
Assolutamente. Ti serviranno, più avanti.

Perchè senti sempre parlare di
riprogrammazione mentale,
mindset, educazione finanziaria,
investi in te stesso, e tutte quelle
frasi motivazionali che di primo impatto
ti sembrano così inutili?

Perchè sono la base del cambiamento di ognuno di noi.

Il segreto è come si affrontano differenti situazioni:
l’aprire una nuova attività,
creare un business sia online che offline,
risolvere un problema,
iniziare con il piede giusto,
in modo da avere consapevolezza
nel limitare le eventuali perdite,
o nello stabilire a tavolino se un progetto
possa avere o meno successo.

Tutte queste informazioni DEVI saperle prima di partire.

Affidarsi ad un consulente di marketing
significa dare un valore diverso alla propria attività,
investire su se stessi, per avere maggior profitto dopo.

E ricorda,
quello che ti costa un consulente,
non sarà mai equiparabile a quello che guadagnerai dopo,
con le giuste informazioni.

Ecco,
perchè chi ha meno skills tecniche,
non vincerà mai su una mente preparata.

Prenota ora la tua consulenza a questo link:
https://marcomerafina.it/index.php/consulenza-strategica

[La Zona di Comfort]

Il percorso per uscire dalla zona di comfort, e’ difficile e lungo.
Se non affronti la quotidianita’, i fallimenti, le delusioni, le difficolta’, con la giusta mentalita’, rimarrai sempre ai blocchi di partenza.

Vale nel business,
vale nella vita privata.

Be smart, be positive, be strong.

#merafinamarco

Online il mio podcast!

E’ ufficialmente online il mio canale dedicato ai podcast sulla piattaforma Spreaker, raggiungibile all’indirizzo:

https://www.spreaker.com/user/12037441

Quando la situazione mondiale tornerà alla normalità,
questi preziosi documenti faranno parte della storia di chi ha deciso di non arrendersi, continuando, in sicurezza per se e per gli altri, a lavorare (molto di più), dal proprio studio in casa.

Download ed ascolto gratuito, ovviamente!

Diretta live Marketing&Coronavirus con Sara Iannone

Diretta LIVE con Sara Iannone
per parlare di Marketing & Coronavirus.

Non è solo una intervista,
ma un confronto tra professionisti del settore per darvi
indicazioni precise su come “spostare”
l’attenzione dei vostri clienti online,
visto che molti di voi o hanno le attività chiuse,
oppure vogliono affacciarsi al vasto mondo
delle opportunità che offre il web.

Marketing&Coronavirus – Intervista-Confronto con Sara Iannone

Ciao ragazzi!Tra poco alle ore 15.00 qui sulla mia pagina,in diretta LIVE con Sara Iannoneper parlare di Marketing & Coronavirus.Non è solo una intervista,ma un confronto tra professionisti del settore per darviindicazioni precise su come "spostare"l'attenzione dei vostri clienti online,visto che molti di voi o hanno le attività chiuse,oppure vogliono affacciarsi al vasto mondodelle opportunità che offre il web.Vi ricordo il mio regaloIN ESCLUSIVA SOLO PER I PARTECIPANTI ALLA DIRETTAuna guida in pdf unica, creata appositamente per voicon i migliori spunti sul perchè dovete iniziare a lavorareseriamente online promuovendo il vostroprodotto o servizio, con la possibilitàdi mostrarlo non solo a livello nazionale,ma anche internazionale!Link all'evento ISCRIVETEVI GRATIS!https://www.facebook.com/events/1368000440076972/Tra pochissimo siamo LIVE! 😉

Gepostet von Marco Merafina am Dienstag, 14. April 2020

Se invece desideri ascoltarla e scaricarla collegati al mio podcast ufficiale su Spreaker all’indirizzo

[CORONAVIRUS ED IMPATTO SULLA ECONOMIA LOCALE]

Ogni giorno il bollettino dei media riporta numeri in forte rialzo di contagiati e vittime del coronavirus, un tunnel che sembra non avere fine, portando ad isteria di massa, assalto ai generi alimentari, fobia del contagio e c’è chi non manca di speculare sulle conseguenze emotive che questa epidemia sta portando a livello nazionale.

Una epidemia è un qualcosa che è fuori dal nostro controllo, che porta a decisioni drastiche e cambiamenti del nostro modo di pensare e vivere la quotidianità.

Anche nel nostro lavoro, chi vive di commercio, soprattutto aziende e negozianti locali, si trovano costretti ad abbassare la saracinesca, in un futuro che ha nell’incertezza e nella paura la sua massima espressione.

Che fare? Smettiamo tutti di lavorare?
Assolutamente no.

Molto spesso, troppo, e continuando a sbagliare, neo-imprenditori decidono di avviare una attività commerciale contando solo ed esclusivamente sulla clientela locale.

Ti svelerò un segreto:
se decidi di aprire un negozio, la situazione non è come 20 anni fa che bastava avere il budget ed aspettare i clienti che “vengono da soli o passano davanti la porta del tuo negozio/ufficio”.

Ora c’è più concorrenza, saturazione del mercato, ed anche se tu hai un prodotto o servizio migliore del tuo rivale di business, se non hai una giusta strategia unita ad una continua presenza online, scusami se ti dico queste parole un pò forti, ma sei destinato a non sopravvivere più di 5 anni.
Dati dell’Istat, non lo dico io.

Quindi, cosa fare? A 40-50 anni ci rimettiamo sui libri a studiare? Direi di no.

Non devi assolutamente occuparti della parte tecnica, io lavoro nel settore pubblicitario dal 2001, e posso risolvere molti dei tuoi problemi acquisendo per te clienti online, costruendo e gestendo gli strumenti che abbiamo a disposizione come i social network.

Perchè parliamoci chiaro, oggi se non hai:

📍 Un sito web “cattura clienti” che non è solo una bella vetrina ferma, ma una fabbrica di soldi ricorrenti
📍 Un negozio online dove acquistare il tuo prodotto-servizio ed aumentare i numeri dei tuoi clienti e fatturato
📍 Una strategia chiara per promuovere quello che sai fare meglio da tutta la vita o che vorresti iniziare a fare
📍 Padronanza dei social network per mostrare al meglio i bisogni che sai risolvere
📍 Presentare al meglio la tua attività/locale

Non sei competitivo sul mercato e lasci sul tavolo un bel pò di soldi, che potrebbero essere nelle tue tasche.

Facile a parole, vero? Ed hai ragione.

Questo perchè non sei in grado di:

📍 Costruire un sito web
📍 Impostare una strategia di marketing
📍 Creare un sito e-commerce dove vendere il tuo prodotto o servizio
📍 Usare i social network per generare contatti interessati
📍 Apri la tua pagina FB, è gratis, ma non sai che va configurata e non sai cosa scrivere dopo che è passato il primo mese di “eccitazione”, non contanto che decine e decine di professionisti come te hanno fatto altrettanto (e forse meglio).

Tutti questi strumenti, unita alla corretta strategia, funzionano anche se sei nella zona rossa con la serranda del tuo negozio abbassata.

Quando ci è imposta una sosta forzata, ognuno di noi può sfruttare il tempo che abbiamo a disposizione per utilizzarlo al meglio, nella maniera più proficua e costruttiva possibile.

Ripartire con nuove conoscienze, nuovi strumenti, un nuovo modo di pensare (avrai letto la parola “mindset” da qualche parte, o “riprogrammazione mentale”.

Puoi continuare a farti prendere dal panico senza fare nulla,
o puoi iniziare ad interessarti davvero alle cose che funzionano, per ripartire più forti di prima, in barba alla peggior epidemia.

Sei solo tu, che decidi chi vuoi essere.
E sai benissimo che, anche se hai affisso un cartello come quello in basso (esempio dal web) il tuo fatturato è destinato a scendere inesorabilmente.

A presto,
Marco.

[COSA CI INSEGNA IL CASO “CORONAVIRUS”?]

In questi giorni impazza il caso del Covid-19, volgarmente definito coronavirus, in quanto è il nome della tipologia di virus, ce ne sono molti altri di coronavirus.

Come mai si è scatenato tutto questo panico?

Sicuramente i media hanno fatto una buona parte del lavoro, cavalcando l’onda del “caso del secolo”, riportando numeri ogni volta imprecisi come previsioni piuttosto strambe e poco realistiche.

Il risultato è misto tra isteria di massa e speculazione:
da una parte la “brava gente” ha preso d’assalto supermercati e punti di ristoro, con la fobia della messa in quarantena a caso e poco organizzata.
Dall’altra, “professionisti” della vendita hanno ben pensato di sfruttare la paura delle persone per vendere prodotti di uso comune come amuchina, igienizzanti per la casa, guanti e mascherine (che devono indossare solo le persone affette dal virus, in quanto NON E’ UN DETERRENTE per chi è sano) a prezzi folli sulle principali piattaforme di vendita online.

La leva principale è la paura, il sentimento più nomale ci fa compiere azioni anormali.
Se stimolate, rasentano l’assurdo.

Le conseguenze sono catastrofiche, vediamole insieme:

📍 Borse di tutto il mondo in forte perdita

📍 Nessuna coesione tra paesi, ognuno adotta leggi “marziali” o emette decreti che rasentano l’omofobia, ed in quasto momento a farne le spese maggiori sono la Cina e l’Italia

📍 Le parole ospitalità, accoglienza e rispetto dell’uomo PER l’uomo sta assumendo forme agghiaccianti, vedi la Grecia che spara sui gommoni dei rifugiati per paura di eventuali contagi

📍 L’isteria di massa ed il panico non sono gestibili e NESSUNO è preparato per una eventuale insurrezione di massa (la quarantena prolungata è una forma di controllo forzato che non può durare nel tempo)

📍 In nome del libero arbitrio, vige l’incoscienza, le chiacchiere da bar: ognuno si sente libero di esprimere la propria opinione sul prossimo (che non conosce) e questo genera altro odio, instabilità e violenza.

Cosa fare?

Ci vuole CONTROLLO.

Siamo tutte persone adulte e responsabili, ma la nostra vera natura si manifesta in queste situazioni, dove per forza di cose si gettano maschere e personalità costruite a tavolino, dando libero sfogo alle azioni verbali, scritte e pratiche più irrazionali.

Come si ottiene il giusto controllo?

CON LE GIUSTE INFORMAZIONI. COME NEL MARKETING E NEL BUSINESS.

Si arriva ad un certo punto, nella mente di ognuno di noi, ove l’overload di informazioni o genera il panico nelle persone più deboli, oppure, per persone abituate a ragionare in modo costruttivo, specie nelle situazioni di difficoltà e disagio come questa, si fermano facendo ognuno un proprio esame di coscienza.

Suggerisco alcuni punti che aiuteranno a maturare decisioni meno irrazionali e più sicure per voi ed i vostri cari:

📍 Evitare lo “stress da smartphone” e disattivare le notifiche delle pagine dei quotidiani sui social, TG e rassegne stampa

📍 Spegnere la tv oppure concentrarsi su altro tema che non sia il coronavirus

📍 Accertarsi della fonte delle notizie prima di pubblicare/dire/scrivere qualsiasi cosa, non siamo tutti giornalisti (e non vedo nemmeno dagli stessi un ottimo lavoro, vista la fuga di notizie e le continue smentite, che aggiungono stress e paura)

📍 Evitare di parlare del coronavirus come fosse l’ultima chiacchiera sul vicino di casa o la persona che ci sta antipatica, non sparlate e conservate il fiato per pensieri più alti.

📍 L’assalto ai supermercati non serve a niente, visto che le scorte di viveri ci sono, i ponti ci sono, non siamo in guerra ed il trasporto su gomma NON PUO’ ESSERE FERMATO.

📍 L’Italia, come ogni altro paese, non può sostenere o vivere una quarantena di massa, quindi prendetela con uno spirito diverso, e momentaneo

Ognuno è responsabile del proprio AUTOCONTROLLO.
Ognuno è responsabile delle informazioni che assimila, e divulga.

La qualità dlla tua vita, dipende UNICAMENTE dalle tue scelte, che non devono essere influenzate da nessuno.

Trova il lato migliore in tutte le cose.

Se la quarantena arriverà nella mia zona di residenza, la dedicherò alla formazione.

A presto, senza panico.

Marco

[MARCO, COSA FAI ESATTAMENTE DI LAVORO?]

Questa è una domanda che mi fanno sempre molte persone, data la scarsa conoscienza di commercianti ed imprenditori italiani per il marketing, la comunicazione e soprattutto l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione, i social network.

Rispondo a tutti con questo post, per fare chiarezza una volta per tutte su quella che sembra ancora una professione fantascientifica.

Mi occupo di:

📍 CONSULENZA STRATEGICA DI ONLINE MARKETING
📍 REALIZZAZIONE LANDING PAGE E SITI INTERNET/E-COMMERCE
📍 SERVIZI FOTOGRAFICI PUBBLICITARI PER EVENTI/LOCALI/NEGOZI
📍 SOCIAL MEDIA MANAGER PER PAGINE FACEBOOK CON AUMENTO BASE FAN INTERESSATA E VENDITE/FATTURATO

A differenza di un semplice consulente, mi occupo anche della parte tecnica e pratica, seguendo il cliente anche dopo la vendita, pratica che, purtroppo, fanno pochi colleghi bramosi di fare solo mere vendite, senza spiegare cosa stanno facendo, tantomeno trarre profitto.

La storia è molto semplice, se io chiedo una cifra fissa al mese, o un determinato costo per un servizio, vuol dire che ciò che sto offrendo vale 10 volte di più, che corrisponderà al vostro profitto.

Vi faccio un esempio pratico:

Un mio cliente ristoratore mi chiama per realizzargli un sito web vetrina, costo base € 500.
Il sito vetrina ha poca interazione con l’utente che lo visita, per questo è la tipologia di sito internet che costa meno.

Ha una caratteristica importante però:
IL MODULO CONTATTI/PRENOTAZIONI ONLINE.

Tramite il form contatti e la gestione autonoma di un tuo dominio, SLEGATO da una piattaforma che NON CONTROLLI
come Facebook o Instagram (se va offline perdi soldi e contatti con i clienti), dai la possibilità a chi vuole venire presso la tua attività di contattarti e prenotare online.

Risultato, con le prime 2 prenotazioni si è rifatto del costo del sito web.

Se non hai intenzione di investire nel tuo business, passa altrove e vai da chi ti vende siti web tutti uguali a 100 euro o 20 euro al mese, non parliamo la stessa lingua, e soprattutto non portiamo gli stessi risultati alla tua attività commerciale.

Per maggiori informazioni, clicca sul pulsante
“INVIA UN MESSAGGIO”,
sarò felice di parlare con te ed aiutarti a crescere.

A presto.

[IL LOCAL MARKETING FUNZIONA DAVVERO?]

Apri il tuo ufficio, la tua azienda,
il tuo negozio, il tuo studio,
distribuisci un pò di volantini per
l’inaugurazione, ed investi tempo e denaro
per pagare:

– grafica
– stampa
– distribuzione

Risultato? 0 clienti, e 5/600 euro in meno in cassa.

Hai capito che tutto questo non funziona,
(come manifesti e cartelloni pubblicitari),
non siamo più negli anni 90,
è tutto molto veloce ed hai bisogno di
ottimizzare le spese pubblicitarie e
massimizzare i tuoi risultati.

In questo ti viene in aiuto il local marketing,
strategie personalizzate tramite pubblicità
sui più famnosi social network,
per far conoscere e vendere
il tuo prodotto e servizio
SOLO A CHI E’ INTERESSATO VERAMENTE.

Ed ascolta quanto sto per dirti:
COSTA MENO DELLA PUBBLICITA’ CARTACEA.

Nei comuni locali fino a 20/30.000 persone,
hai bisogno di promuovere continuamente
la tua attività, spendendo molte
centinaia di euro ogni 7/10 giorni.

E quindi ti troverai a ristampare volantini con nuove offerte,
pagare un grafico per il progetto,
un tipografo per la stampa,
un’agenzia di distribuzione per la diffusione e consegna a
privati ed aziende (a caso, non profilate e poco interessate).

Continuerai ad investire ciclicamente in una strategia che
NON FUNZIONA,
mentre fare pubblicità su Facebook o Instagram ti permette
di raggiungere i tuoi potenziali clienti
per promuovere il tuo prodotto/servizio
a chi VUOLE ACQUISTARLO.

E FUNZIONA VERAMENTE!

Contattami subito cliccando sul punsante qui in basso
INVIA UN MESSAGGIO
ed indicami:

NOME E COGNOME
EMAIL
RECAPITO TELEFONICO

ti invierò i miei casi studio di successo per mostrarti qualche numero e valutare se decidere insieme la migliore
strategia per il tuo business.

TI ASPETTO.

[VOGLIO FARE ONLINE MARKETING MA NON CI CAPISCO NULLA, DA CHI VADO E COME INIZIO?]

La migliore arma che hai contro la fuffa è la referenza di chi ti sta vendendo qualcosa.

Devi capire che, se non hai le informazioni corrette per il tuo business, che sia online, offline o in entrambi i casi, sei destinato a rimanere ai blocchi di partenza.

Con meno soldi di quando sei partito, senza produrre ne fatturato, tantomeno clienti interessati al tuo prodotto-servizio.

Fintanto che ti ostinerai nel voler risparmiare denaro tra consulenze strategiche, tools di marketing, siti web responsive ed ottimizzati alla conversione del cliente, immagini professionali del tuo prodotto da presentare al tuo pubblico, sei destinato a fare ben poco, spendendo addirittura di più, di quello che credi di aver “risparmiato”.

La combinazione strategica di tutti questi servizi COSTRUISCE LA TUA REPUTAZIONE agli occhi dei tuoi potenziali clienti.

Più sarai veloce e presente nel dare supporto ai tuoi clienti, con le informazioni e strumenti giusti, più si impenneranno le tue vendite.

E tu, cosa hai deciso di fare oggi?

Ecco per te, gratis, 10 punti per analizzare la tua azienda:

📍 1. Mindset, cultura digitale e creatività:
Se non sei consapevole di quello che fai, non avrai risultati.
Per questo serve entrare in consulenza con un professionista di settore.

📍 2.Offerta e la sua personalità:
La tua offerta è chiara e comprensibile ai tuoi clienti?
Rischi veramente di lasciare molti soldi sul tavolo.

📍 3.Identità di marca e branding:
Sei percepito come un professionista e vero esperto del tuo settore?
Ascolta cosa dicono di te e della tua attività le persone, e correggi “il tiro”.

📍 4.Funnel di vendita:
Devi capire che NON PUOI VENDERE A TUTTI come il tuo prodotto NON E’ PER TUTTI.
Trova la tua nicchia di mercato, e diventa il leader assoluto nel tuo settore.

📍 5.Sito web:
Hai una presenza online? E’ visibile da qualsiasi dispositivo?
C’è iinterazione con l’utente? Altrimenti, devi rifarlo, perchè non ti porta soldi nelle tue casse.

📍 6.Strategie di local marketing:
Sei riconosciuto localmente come attività ed i clienti conoscono la tua offerta?

📍 7.Contenuti:
Hai pianificato una strategia di contenuti per “educare” i tuoi clienti ad aver bisogno del tuo prodotto?
Se scrivi solo un post quando ti va, ecco uno degli errori che non devi commettere, per questo esistono i social media manager, che gestiscono al posto tuo con un piano chiaro e continuativo i tuoi profili social.

📍 8.Social network:
Se non ci sei, sei fuori. Se ci sei, non li stai sfruttando a tuo favore. Puoi vendere di tutto ed acquisire nuovi clienti paganti per la tua azienda.

📍 9.Social advertising:
La reach organica è praticamente quasi morta, se non sei un esperto di inserzioni su Facebook/Google/Instagram, affidati ad un esperto che creerà per te campagne pubblicitarie online profittevoli

📍 10.Influencer marketing:
In alcuni settori funziona alla grande la collaborazione con influencer locali per promuovere il proprio prodotto o servizio, non trascurare questo aspetto, potrebbe essere la carta vincente per conquistare la tua nicchia di mercato.

Spero di esserti stato utile,
alla prossima 😉

Marco.

[Mentore vs Autoformazione]

Siamo abbastanza oberati di sedicenti neo-diplomati che vogliono farci scoprire i segreti del web e la ricetta miracolosa per diventare milionari.

Nel panorama attuale, tra supercar a noleggio, ville in affitto a ore, viaggi a Dubai divisi in 5 e finti Mastermind con contenuti pari a qualsiasi neofita di Youtube (gratis), non si sa che pesci prendere e chi ha ragione e chi no.

Quanto sai di marketing?
Dove sono le informazioni che funzionano veramente?

Chi devi seguire?

Dopo una attenta analisi che dura da quasi due anni, posso affermare che i principi fondamentali nella scelta del mentore sono…uno.

1. VERIFICA I FEEDBACK.

Nell’era digitale ove TUTTO si acquista, spendi del tempo per capire chi scrive recensioni, sia testuali che video, per comprovare la veridicita’ delle sue affermazioni, se sono clienti veri, aziende, persone che hanno collaborato e lavorato veramente con l’esperto di turno, e non richieste come scambio feedback/favore o ottenuta a pagamento.

Non ti fidi e vuoi fare tutto da solo?

Ti svelero’ una grossa verita’, sconosciuta ai piu’.

Compra libri, ed investi su te stesso.
Preferibilmente quelli non autocelebrativi che siano un enorme spot continuo ad un eventuale corso di formazione (a pagamento).

Non che ci sia nulla di male,
ma abbiamo bisogno di meno fumo, e piu’ “ciccia”.